Come cambia la società I 100 Libri

Come cambia il nostro sguardo sui migranti

migranti-economici-immigrazione

Migranti, immigrati, immagrazione: come cambia il nostro sguardo su questo fenomeno epocale e inarrstabile?

Me lo chiedo perché, quand’ero piccina, nella mia piccola città di provincia, gli immigrati non italiani quasi non esistevano, o almeno erano un fenomeno non significativo (si chiamavano immigrati, a volte, quelli che dal Sud Italia si spostavano al Nord in cerca di lavoro). Poi abbiamo cominciato a vedere i primi stranieri: ricordo i russi dopo la caduta del muro di Berlino, gli albanesi con i barconi, i magrebini e via così.

All’inizio c’era stupore, curiosità, in alcuni casi pietà. Ma subito si sono formate le tifoserie: quelli per cui era una cosa bellissima, un arricchimento umano e culturale ecc., e quelli che “ci rubano il lavoro, ci rubano le donne, aiutiamoli a casa loro ecc.”. Poi ne abbiamo visti arrivare sempre più, si sono formate famiglie e villaggi di immigrati, oggi nelle nostre scuole sono mescolati agli italiani, se non in numero maggiore. Ed è cresciuto, a quanto pare, il disprezzo e la paura. I media amplificano questi sentimenti, Salvini li cavalca, la realtà è che il 17% degli italiani ha votato un partito che non vuole gli immigrati o comunque ne pretende una regolamentazione più rigorosa.

Il fatto è che le ondate migratorie sono inarrestabili da sempre e in tutto il mondo. Continueremo a confrontarci con gli immigrati. Per cercare di capire un po’ meglio si può leggere “Scontro di civiltà per un ascensore in piazza Vittorio” dell’algerino Amara Lakhous (Edizioni E/O). Uno sguardo “dall’interno” su immigrati e immigrazione: le vicende di un condominio multi-etnico con un giallo sullo sfondo. Incomprensioni, scontri, incontri, solidarietà tra persone con radici e culture diverse che hanno innanzitutto bisogno di ascoltare, capire, comunicare.

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...