Come cambia la società

Il turismo risorgerà dopo il Covid19?

Il turismo è stato duramente colpito dal Covid19. Ma è destinato a risorgere. Come? Qui alcuni possibili sviluppi e soluzioni

La pandemia ha colpito duramente il mondo del travel. Il turismo internazionale ha visto un drastico declino dell’80% nel 2020: nel mondo potrebbero essere a rischio 174 milioni di posti in tutto il mondo. Operatori turistici, agenzie di viaggi, ma anche catene di alberghi, B&B e l’intero settore dell’hotellerie sono in ginocchio. Eppure c’è una gran voglia di tornare a viaggiare. La reclusione forzata causata dal Covid19 fa desiderare nuove mete: il giorno dell’annuncio del primo vaccino contro il Covid19 di Pzifer, in Italia sono cresciute del 19% le ricerche di voli sulle piattaforme del gruppo eDreams Odigeo. La sensazione è che, quando le vaccinazioni di massa avranno fatto il loro effetto, e se non ci saranno intoppi o imprevisti lungo il percorso, il settore potrebbe rivitalizzarsi. Forse prevedere un nuovo boom è eccessivamente ottimistico. Certo alcune cose cambieranno, e alcuni cambiamenti saranno positivi. In questo articolo per EconomyUp ho provato a delineare cosa potrebbe succedere e cosa fare oggi per programmare la futura rinascita.

Turismo e innovazione: 5 possibili trend per la rinascita del travel nel 2021

Non possiamo ancora dire se e quando il settore del travel si riprenderà dalla grave crisi planetaria causata dalla pandemia. Molto dipenderà dagli esiti della vaccinazione di massa con il vaccino Pfizer e gli altri disponibili in Occidente, Moderna e AstraZeneca. Ma, se è vero che ogni momento di crisi può rappresentare anche un’opportunità, vediamo di capire da dove potrebbe ripartire il settore del travel per cogliere ulteriori opportunità di business.

Travel 2021: turismo all’insegna della sicurezza

Da un’indagine di Booking.com, oltre la metà (51%) dei viaggiatori vorrebbe fare un viaggio rilassante nel 2021. Non a caso, dall’inizio della pandemia, l’utilizzo della parola chiave “relax” su Booking.com è aumentato del 33%. Ma cosa serve per far rilassare davvero i viaggiatori? Non a caso, al primo posto degli elementi “rilassanti” ci sono la salute e l’igiene: il 79% dei viaggiatori afferma che prenderà maggiori precauzioni durante i viaggi futuri. Booking.com ha anche registrato un aumento di oltre il 60% dell’uso di parole come “pulito” e “igiene” dall’inizio del Covid19.

Le “travel bubbles”

La fiducia sarà fondamentale quando i viaggi riprenderanno. Alcuni tour operator stanno già pensando di offrire ai turisti l’opportunità di viaggiare con le persone di cui si fidano di più: i propri amici e familiari. Trafalgar, Costsaver e Insight Vacations propongono a tutti l’opzione “travel bubble, bolla di viaggio”: piccoli viaggi di gruppo privati che consentono a familiari e/o amici di condividere un tour mantenendo una distanza di sicurezza dalle persone che non conoscono. Un tipo di esperienza che vuole dare la possibilità di stare insieme a chi è stato costretto a restare separato a causa della pandemia e nel frattempo a mantenere la distanza sociale.

Travel 2021: destinazioni più sicure

Le destinazioni più ricercate potrebbero essere quelle dei Paesi o aree che sono riuscite a controllare il coronavirus. Le precauzioni in vigore e il modo in cui è stata gestita l’epidemia potrebbero rappresentare una garanzia per i viaggiatori. Ciò potrebbe purtroppo anche portare al declino di mete turistiche finora popolari. Chi organizza viaggi dovrà assicurarsi di avere una serie di assi nella manica: luoghi particolari dove dirottare i turisti laddove altre mete siano sold out.

2021: turismo sostenibile

Dalla lotta al cambiamento climatico al sostegno alle popolazioni indigene attraverso il turismo, i tour operator non potranno esimersi dal seguire il trend della sostenibilità. Il Waldorf Astoria Maldives invita gli ospiti ad adottare una barriera corallina per proteggerla dal cambiamento climatico. In Giamaica, l’hotel GoldenEye  e il suo partner della Oracabessa Foundation hanno lanciato un nuovo centro di immersioni dove gli abitanti locali e gli ospiti possono prendere parte al reimpianto delle barriere coralline del paese.

Travel 2021: Prenotazioni aperte

Per il 2021, Exodus Travels offre ai turisti nord-americani la possibilità di prenotare sin da ora un viaggio verso la destinazione preferita, con l’idea di partire non appena la situazione sarà diventata più sicura. Se poi il cliente non può partire in quella data, Exodus si impegna a ri-prenotare un tour alternativo. Una situazione vantaggiosa per entrambe le parti.

Travel 2021: Il ritorno degli intermediari

Internet sembrava aver posto fine all’intermediazione, anche nel settore del travel. Le grandi piattaforme online rischiavano di minare profondamente il business delle agenzie di viaggi o comunque dei consulenti e degli intermediari. Ma la complessità della situazione scaturita dalla pandemia riporta alla luce il valore degli esperti in grado di guidare il viaggiatore lungo un percorso previsto e personalizzato. Nel prossimo futuro, i viaggi diventeranno sempre più complessi e i viaggiatori potrebbero interagire con agenti e tour operator anche solo per farsi aiutare a gestire i voli aerei e le normative sanitarie da rispettare. Potrebbe dunque essere utile capire come l’innovazione si può coniugare con un nuovo modo di fare consulenza.

1 comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: