Come cambia la società

Se questa è una vittima

Ormai la storia di una persona sembra diventata interessante nel racconto mediatico solo è vittima di qualcosa. Ma è sempre davvero così?

Siamo diventati una Società di Vittime. Vittime di razzismo, di omofobia, di bullismo, di sessismo, di catcalling…Vittime sempre e comunque di tutto.

Le storie delle persone sembrano essere interessanti solo se lette in questa chiave: il protagonista è l’Abusato Incolpevole, alla tragedia si preferisce la catastrofe (come mi spiegava la mia docente di Teatro anglo-americano, tragedia è qualcosa che accade anche a causa di un comportamento intenzionale dell’essere umano, per esempio un omicidio, mentre la catastrofe è assolutamente indipendente dalla responsabilità individuale, per esempio un terremoto). È di scena, dunque la catastrofe, starring “La Vittima”.

Perché non mi piace questo nuovo abito mentale? Almeno per 3 motivi.

  • Innanzitutto perché temo che si finisca per non distinguere più tra le vere vittime, che realmente esperiscono sulla propria carne violenze assurde e ingiustificabili, e quelle che puntano a mostrarsi tali per avere i riflettori su di sé. Chi ci rimette sono le prime, ovvio.
  • Secondariamente mi chiedo: se tutti sono vittime, dove sono i carnefici? Un esempio banale: improvvisamente molti amanti sembrano essere stati vittime di “narcisisti” (termine oggi, nel mainstream popolare, assolutamente frainteso e abusato, vedi miei precedenti post). Ma com’è che milioni di persone hanno incontrato sul loro cammino questi esseri cinici ed egoisti? Siamo dunque circondati da milioni di innocenti, ingenui, dolcissimi e troppo buoni? Davvero ci sono stuoli di vittime e rari carnefici? Non siamo un po’ tutti, a seconda dei momenti, delle situazioni e delle persone con cui abbiamo a che fare, un po’ l’uno e un po’ l’altro? Non è forse questa la natura umana, ambigua e mutevole?
  • Il terzo motivo per cui non amo la Società delle Vittime è la deresponsabilizzazione. Se sono vittima, sono buono, è l’altro che è cattivo. Dunque io non sono mai cattivo. Sicuri?

    In questo continuo sventolare bandiere bianche con insistenza e quasi con auto-compiacimento, trovo qualcosa di triste e molle, ma anche un fondo di egoismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: